Amore nella Relazione . Life Coaching per la Relazione di Coppia | Il compromesso non è amore sano ma è condizionamento
1887
single,single-post,postid-1887,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 
1398469781

03 Mar Il compromesso non è amore sano ma è condizionamento

CondividiShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestDigg thisShare on TumblrEmail this to someone

Fino da quando siamo piccoli impariamo a scendere a compromessi per essere amati, impariamo ad accontentare i desideri dei genitori e parenti per meritare il loro amore. Se facevamo ciò che ci chiedevano, come e quando ce lo chiedevano eravamo dei bravi bambini, se non accontentavamo i desideri di genitori e parenti eravamo dei bambini cattivi. Impariamo già da piccoli ad assecondare le richieste altrui rendendoci conto che tutto sommato ci “conviene”, in fondo il risultato sono le coccole, i regali, le sorprese, i cibi preferiti preparati dalla mamma, i complimenti, quindi accontentare le loro esigenze ci gratifica. Traiamo quindi la conclusione che conviene assecondare i desideri altrui per poter stare meglio con loro.

Facciamo degli esempi. A volte a un bambino viene detto:

  • “Prima riassetti letto e riordini la camera e poi puoi mangiare la fetta di torta di mele”
  • “Quando arrivi a casa del tuo amico chiamami altrimenti la volta dopo studi a casa da solo”
  • “Se non finisci tutti i compiti, non ti do il cioccolato”

Purtroppo queste condizioni di compromesso sono molto negative nella mente del ragazzo o della ragazza e creano dei programmi. La persona conoscerà il compromesso per essere approvata o approvato e lo userà a sua volta.

Nella mente inconscia del bambino si istalla un programma che ci dice che il compromesso conviene. Anche se questo crea uno stato di sofferenza, questa viene calibrata fino a trarre la conclusione che probabilmente sia meglio fare quello che viene detto per guadagnarsi l’approvazione e l’affetto della persona amata, nel caso del bambino è la mamma, o il papà o la nonna. A questo punto cosa succede? Non soltanto al bambino conviene scendere a compromessi ma quando il bambino o la bambina sarà un uomo adulto o una donna adulta avrà imparato molto bene a porre compromessi alle persone che ama.

aaa photo VistaArrowIcons_zpsrjkor20d.jpgLa donna adulta si comporterà nello stesso modo col suo uomo. Esempio: “Se questo week end andiamo a fare una vacanza come desidero significa che mi vuoi bene, allora io sarò più dolce con te, se non lo vuoi fare significa che non mi ami e allora io sarò arrabbiata”.

aaa photo VistaArrowIcons_zpsrjkor20d.jpgL’uomo adulto si comporterà nello stesso modo con la sua donna. Esempio: “Se mi vuoi bene non devi più sentire il tuo ex compagno, sai che non mi va, se gli parli ancora ti tengo il muso lungo.

Questi meccanismi di sopravvivenza vengono appresi da bambini. I nostri genitori non hanno nessuna colpa, è importante comprenderlo. Loro a loro volta hanno imparato a controllare le gesta, le azioni e le emozioni dei bambini dai loro genitori, dalla cultura, dalla società. E pensano sempre di fare il meglio che possono, anche quando magari non è cosi.

Purtroppo dall’ altra parte il partner a livello inconscio conosce molto bene il meccanismo del compromesso esercitato a sua volta dalla mamma, dal papà, dalla nonna, dalla maestra ecc… e una volta adulto non accetta quella stessa condizione che lo aveva fatto sentire subordinato a qualcosa o a qualcuno. E quindi si crea il conflitto di coppia.

I meccanismo sono sempre gli stessi. Abbiamo imparato e vissuto a sua volta il “compromesso d’amore” quando eravamo bambini. Da adulti a livello inconscio lo utilizziamo per manipolare gli altri cosi come era stato usato per manipolare noi, ma al tempo stesso non accettiamo che qualcuno lo usi per manipolarci come era avvenuto in un passato oramai lontano.

aaa photo VistaArrowIcons_zpsrjkor20d.jpgI COMPORTAMENTI CON LA PERSONA AMATA RISPECCHIANO CIO’ CHE HAI IMPARATO DA BAMBINO/A NELLA TUA FAMIGLIA


In genere ripetiamo uno schema, talvolta scappiamo da quello stesso schema che non accettiamo più di vivere perché ci allontana dalle nostre reali esigenze. Questo ci porta ad essere infelici nella relazione, purtroppo. Allora come fare? Innanzitutto è indispensabile conoscere quello stesso schema limitante e poi liberasene. Attraverso le tecniche di PNL o con l’EFT è possibile. Ogni percorso personale di indipendenza emotiva ed affettiva ci permette di liberarci dalle nostre prigioni interiori.

La cosa più utile da fare è rivolgersi al un personal coach specializzato nelle relazioni affettive e iniziare un percorso per conoscere cosa ci blocca e liberarci da paure, senso di colpa, dipendenza affettiva ecc… Per essere liberi di amare e di vivere l’amore a 360% senza paure, senza compromessi, amare per amare.

 

 

CondividiShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestDigg thisShare on TumblrEmail this to someone
No Comments

Post A Comment